Commenti Quotidiani.

26 aprile 2013

Streaming Letta 1 – m5s/Crimi/Lombardi 0

Evviva lo streaming dunque!
Ecco come oggi il blog di Grillo tratta i giornalisti che non sono d’accordo con lui…non è mica tanto diverso da Il Giornale o da  Libero contro Fini. Intanto a lato il sito www.tsetse.it attacca la Boldrini perchè ha contestato Grillo sul valore del 25 aprile, quindi deve essere sputtanata…ma non la volevano loro ? L’hanno pure votata.

Poi a Severgnini (un uomo che fa proprio paura a vederlo eh? ma dai …) si rivolge così sotto uno pseudonimo di Robespierre ( un dittatore sanguinario tra l’altro restauratore dopo la Rivoluzione ) perchè non c’è il coraggio di offendere di persona senza anonimato
dal sito http://www.beppegrillo.it rivolto a Severgnini:
“…Ti vendi bene, e ti fai sviolinare dalla Gruber, “giornalista illuminata” che in un altro paese diverso dall’Italia, potrebbe al massimo fare la cassiera in un cinema di periferia.
Quando la smetterete di leccare il culo ai vostri padroni, potrete avere la soddisfazione di riabbracciare i vostri figli senza vergognarvi.” Robespierre

Io dico solo : Grillo, smettila di insultare, non hai il monopolio del cambiamento sebbene tu sia il principale stimolo per cambiare. Le scelte le avete fatte anche voi, vi siete chiusi a ogni dialogo e va bene così. Non so se tutti quelli che vi hanno votato volevano questo, ma adesso fate quello che vi viene meglio: una sana opposizione IN Parlamento: non fate gli aizzatori extraparlamentari altrimenti al posto di limitare alba dorata imitate alba dorata. Parlate del vostro utile programma I fascisti sono contro i giornalisti sempre e comunque.Ma il bersaglio deve essere una informazione plurale non i singoli giornalisti, da Sallusti a Travaglio. Grillo nella casa adesso ci sei dentro anche tu, le scelte che fate voi delegati portavoce guidati dal guru sono opinabili e valgono come quelle degli altri. Vogliamo responsabilità anche all’opposizione e  non casino anarcoide giusto per insultare, quello lo facciamo già al bar noi cittadini, grazie.

Annunci

2 febbraio 2012

Responsabilità civile dei giudici: un bel bavaglio alla giustizia ?

Fermo restando che ogni professione ha una resposabilità e quindi in termini generali si può essere anche d’accordo con l’emendamento passato oggi alla Camera, il mio dubbio è che se davvero si applicasse tutti gli imputati farebbero ricorso con conseguente ingolfamento ulteriore della giustizia. Inoltre quale assicurazione professionale coprirebbe un giudice, cioè di che massimali di risarcimento stiamo parlando? E cosa vuol dire sbagliare nel giudizio con colpe gravi? CHI LO DECIDE SE NON UN ALTRO GIUDlCE ?Ecco perchè l’ememdamento o è fatto da impreparati o è ipocrita alla meglio. Non era per questo che esistono appunto i tre gradi di giudizio per l’imputato? L’emendamento passato a scrutinio segreto è troppo generico e solo intimidatorio, tanto più se chi lo vota sono i partiti, “perseguitati” dalla giustizia a destra come a sinistra, a cui non dispiacerebbe un bel bavaglio ai giudici. E invece gli stessi che dicono che tre gradi di giudizio sono troppi sono quelli che oggi hanno proposto l’ l’emendamento a firma della Lega Nord.

Ricordo che la Lega proponeva anche l’elezione poplare dei giudici con conseguente partitocrazia della giustizia, e dove arrivano i partiti (RAI per esempio )ci sono solo danni

Inoltre la Lega è alla guida dei 26 parlamentari che stanno facendo ricorso contro i tagli (di poco conto per altro finora) alla casta dei politici

Insomma i leghisti sono il vero partito che non vuole cambiare  nulla, cavalca battaglie di facciata con intenti populisti e per la distruzione del Paese. Il loro obbiettivo è sempre lo stesso dividere l’Italia anche votando per non arrestare Cosentino, un altro perseguitato tra i tanti.

Ecco perchè la responsabilita dei giudici oggi esiste già ma rimane a carico dello Stato.Ecco Perchè il ministro Severino si augura che questo emendamento possa essere cancellato in seconda lettura dal Senato.

COMMENTO INVIATO AL CORRIERE DELLA SERA IL 02/02/2012

20 gennaio 2012

LE LIBERALIZZAZIONI: ECCO IL TESTO INTERO

ECCO IL TESTO INTERO DEL DECRETO

liberalizzazioniTESTO

PIU’ TAXI E PIU’ FARMACIE MA MOLTE ALTRE INIZIATIVE COME SOCIETA’ PER I GIOVANI FINO A 35 ANNI ,IL TRIBUNALE DELLE IMPTRESE PER SNELLIRE LA GIUSTIZIA E FAVORIRE INVESTIMENTI ESTERI

BERLUSCONI INTANTO, “IL LIBERALE”, QUELLO CONTRO I “COMUNISTI” VECCHI E STANTII SI è GIA’ DETTO CONTRO LE LIBERALIZZAZIONI CONTRO L’ AMMODERNAMENTO DEL PAESE CHE DA 20 ANNI INVOCAVA E NON HA MAI FATTO. OGGI QUALCUNO LE FA E LUI REMA CONTRO ?

19 gennaio 2012

Schettino, Formigoni e chi vive a sua insaputa – Travaglio a Servizio Pubblico-Video

NELLA FOTO LA VERA IDENTITA’ DEL CAP DE FALCO: E’ IL STG HARTMAN.

Schettino invece è figlio di un’Italia che scappa dalle sue responsabilità, ha sempre scuse, sono sempre gli altri, si lamenta e comunque non ne sapeva niente, e il suo paese natale lo difende  …. Formigoni è come Schettino:  da 16 anni sulla barca , ma non ne sapeva niente.

Il Cap.De Falco: una persona che fa il suo dovere , come chi chiede la fattura, è  un eroe , l’Italia è piena di eroi che a volte finiscono come Falcone e Borsellino di cui ci riempie la bocca …da morti

Come non condividere parola per parola ? Se non esistesse davvero un Paese così , sembrerebbe una storia inventata  come “il palo dell’Ortica”.

30 dicembre 2011

L’immaginaria ricostruzione del Wall Street Journal fatta solo per attaccare l’ Eurozona e l’ Italia

HERE IN ENGLISH

In risposta all’ articolo di “presunto scoop” del WallStreetJournal (Link) “L’ approfondirsi della crisi dell’ Euro mette contro i leader fra loro”
Una fantasiosa e infondata ricostruzione del WSJ rivelerebbe come la Germania, criticata per non affrontare con forza la crisi del debito europeo nella sua fase iniziale, abbia risposto ai pericoli in Italia questo autunno imponendo il suo potere su una zona euro divisa imponendo il cambio di vertice da Berlusconi a Monti.
ECCO PERCHE’ QUESTA RICOSTRUZIONE SENZA PROVE E’ SOLO UN ENNESIMO ATTACCO ALL’ EUROPA:

Sembra una FICTION del  WSJ. Giorgio Napolitano ha troppo rispetto degli italiani ed è un profondo conoscitore di ciò che la Costituzione gli consente come Presidente della Repubblica perchè il WSJ possa affermare che  è soltanto un povero ottantenne al servizio delle volontà della Merkel. La  Merkel non è così superficiale da commettere un abuso di potere su uno stato alleato, chiedendo a Napolitano cose irricevibili, conoscendo la statura di rispetto istituzionale che il Presidente ha sempre mantenuto in Italia e all’ estero.
E poi, Berlusconi è troppo affamato di potere per pensare che lo abbia lasciato solo perché la Germania potrebbe averlo chiesto con una telefonata privata tra Merkel e Napolitano che il WSJ dice di conoscere.
Si tratta di una ricostruzione SENZA PROVE FATTA SOLO PER ATTACCARE LA UE. UN ALTRO COLPO MEDIATICO CHE GLI USA E L’INGHILTERRA CONDUCONO PER FARE DI TUTTO PER AFFOSSARE UN’ UNIONE EUROPEA FORTE NEL MONDO. ITALIANI NON CREDETE ALLA BALLA CHE “GLI ALTRI CI COMANDANO !!! “
Sappiamo tutti che Berlusconi non era in grado di aiutare l’economia italiana come Monti.
Il WSJ come la Lega finge di non sapere come funzionano i governi democratici in Italia: Napolitano può solo provare a creare un nuovo governo se non c’è più la precedente maggioranza eletta in parlamento prima di decidere di indire nuove elezioni nell’ arco dei 5 anni naturali di ogni legislatura.Solo se i partiti in parlamento riescono a formare una nuova maggioranza possono sostenere un nuovo governo. Oggi  Monti è sostenuto dal PDL dello stesso Berlusconi (perchè questo non viene detto dal WSJ ?) dal  PD  e dal  Terzo Polo.Solo così  è possibile cambiare un Presidente del Consiglio italiano nell arco di una stessa legislatura . E ‘stato il passo giusto per l’Italia e l’Europa, quella vera cioè quella formata solo dai Paesi che hanno accettato l’Euro come valuta.

COMMENTO INVIATO AL WALLSTREETJOURNAL IL  30/12 /2011

COMMENTO INVIATO A IL FATTO QUOTIDIANO IL 30/12/2011

27 novembre 2011

Prima uscita pubblica di Berlusconi dopo le dimissioni: contro la tracciabilità, difende l’evasione fiscale.

Berlusconi ad un convegno del Pdl a Verona oggi si è detto contro la tracciabilità dei pagamenti perchè sarebbe “contro uno Stato di Polizia Tributaria che vogliono i comunisti” (Chi? Monti? Casini? Fini? Sarkò? la Merkel? Tutti quelli che le tasse le pagano? Ma Monti non era dei poteri forti plutocratici? E il Pdl poi non ha finora sostenuto Monti?). Pagare le tasse è da ONESTI non da comunisti. Berlusconi così si dichiara implicitamente a favore dell’ evasione fiscale,cerca i voti degli evasori (e sono tanti) che i suoi governi non hanno mai combattuto adeguatamente, portandoci in questa situazione. Oltre alle mancate riforme richieste da tempo, al posto di combattere i giudici che fanno il loro dovere, non aver combattuto l’evasione fiscale ha portato l’ Italia ad essere debole di fronte alla crisi. Ora che siamo nella melma dà la colpa delle sue manchevolezze governative a chi ci dovrebbe con fatica tirarci fuori. Per decenza ora finiamola con queste chiacchere dannose.

Commento inviato al Sole 24 Ore il 27/11/2011

12 novembre 2011

L’ Italia svolta. Cade il governo

Filed under: attualità,interni,News,Notizie,Politica,società — the jack sign @ 23:19
Tags: , , ,

12 nov 2011, ore 21:34

Silvio Berlusconi si è dimesso al cospetto del Quirinale


Cade il Governo Berlusconi: senza più credibilità nazionale, internazionale e dei mercati dopo aver commissariato l’Italia, negato la crisi e non aver fatto nulla per risolvere i problemi strutturali ed economici dell’ Italia, esponendola più di tutti al rischio default, perchè il problema erano leggi ad personam contro stampa e giustizia, bloccato da un enorme conflitto di interessi illiberale . Adesso si attende un nuovo governo del liberale (stavolta davvero ) Monti che dia il buon esempio, tagli i privilegi e combatta la corruzione, la raccomandazione anti meritocratica, l’evasione  e i conflitti di interesse prima di ogni altra cosa .Ciò richiede che tutti i partiti ci mettano la faccia assumendosi le proprie responsabilità per l’Italia e l’Europa che necessitano di una svolta. Poi nel 2013 nuove elezioni con un nuovo sistema elettorale .

Probabile già domani o lunedì il nuovo governo di

unità nazionale a guida Mario Monti


9 novembre 2011

Berlusconi non si dimette ma promette dimissioni: i btp impazziscono: Nessuno ha più tempo per lui

Berlusconi al Quirinale non si dimette ma le promette solo dopo la legge di stabilita; i mercati lo bocciano ancora, si aspettavano che lasciasse subito, lo spread raggiunge nuovi record oltre 500 punti e rendimenti sopra il 7%. I mercati e l’ Europa ma anche il Paese si aspettano un dopo-Berlusconi che non e’ stato capace di fare le riforme tanto annunciate in venti anni ed ora urgenti. Oggi il governo Berlusconi ci lascia in eredita’ un Paese a cui nessuno crede piu’ e per questo commissariato dall’UE e dall’FMI: Complimenti! Colpa della magistratura o dei media a cui non e’ stato messo un bavaglio? Non credo proprio. E’necessario un governo di unita’ nazionale che faccia le cose importanti, come da tempo sostengono le opposizioni,eccetto invece gli estremi IdV e Sel e la parte del Pdl e Lega aizzate in modo sconsiderato dagli interessi di parte di Berlusconi e Bossi sopra quelli dell’Italia ancora una volta: Le elezioni in questo periodo sarebbero un momento di vacanza dalle attività del parlamento per dedicarsi alla lotta con gli avversari elettorali:cosa assai dannosa in questo momento in cui le scelte vanno adottate e non si puo’ perdere altro tempo. Tra Berlusconi e l’Italia bisogna scegliere l’Italia.

7 novembre 2011

Alle voci di possibili dimissioni di Berlusconi tutti gli indici di Borsa migliorano: bocciatura del governo

Filed under: News — the jack sign @ 14:32
Tags: , , ,

Siamo al colmo di un governo che si proclama liberale da anni e che di liberale non ha fatto nulla a partire dal conflitto di poteri politico, dell’ informazione e giudiziario che ha provocato un blackout sui veri problemi del Paese. Sui quali ci si e’ svegliati solo quando di fatto UE BCE e FMI hanno commissariato l’Italia spingendo il governo, che prima negava la crisi (visto che i ristoranti sono pieni) ad una vaga letterina di parziali intenti non concordata con tutte le forze politiche come Napolitano chiedeva. Vedere la cronistoria di questi tre anni di governo dovrebbe non lasciarci smemorati quando si presenteranno nuove proposte.

Toni fuori luogo di Berlusconi: “Voglio guardare in faccia i Traditori” :

Domanda: quando si allontanano da lui sono traditori (piuttosto si sentono Traditi), quando invece vengono acquisiti dal Pdl sono Responsabili ?

Una personalizzazione dannosa della politica

21 settembre 2011

Cosa deve fare l’Italia. Perchè il premier deve fare un passo indietro.

Filed under: attualità,interni,News,Notizie,Politica,società — the jack sign @ 19:09
Tags: , , , , ,

In questo momento anche Confindustria ha capito che il il nostro premier rappresenta un problema più che una soluzione. Un problema per la quantità di prove schiaccianti che imporrebbero “un passo indietro” perchè sia fatta giustizia sulla sua onorabilità o colpevolezza. Il processo Mills ha un corrotto e un corruttore e il parlamento ormai fa leggi per salvare il premier dalle sentenze , cercando di allungare i tempi del processo e accorciare i tempi di prescrizione, con l’effetto collaterale che nessuno potrà più ottenere giustizia, nessuno investirà più in un Paese senza certezza della pena. Ci sono prove della presenza di una minorenne in un contesto di prostituzione minorile in cui il premier era presente:lo stesso  ha telefonato, al di fuori delle sue funzioni, alla questura di Milano imponendo la liberazione della minore con affido alla consigliere regionale Minetti, diversamente da quanto disposto dal magistrato per i minori e da qui l’accusa di concussione.  Alcune persone legate a giri di prostituzione, Minetti appunto oltre allo stesso premier, siedono in ruoli pubblici e sono pagati da noi. La chiesa almeno sui peccati , più che sui reati doveva avere una posizione più netta. Ci sono prove che mostrano la ricattabilità del premier in quanto attraverso la prostituzione si mirava ad una turbativa d’asta su appalti statali: oggi che credibilità ha un premier connivente o raggirato da criminali?  (ad alcuni dei quali suggerisce addirittura la latitanza). Quanti capi di governo, alcuni forse anche offesi (Merkel “culona..”?, l'”abbronzato” Obama),  possono oggi credere che questo governo abbia l’autorevolezza per fare  ciò che serve al Paese , al di là di annosi proclami di scossoni all’ economia. Quanti vorrebbero oggi farsi fotografare o sedersi a cena con un premier del genere ? Così facciamo la figura della Grecia, non meritandolo.E i mercati ci fanno pagare anche questo. Deve andare a casa anche chi non autorizza l’arresto per Milanese o Cosentino per mantenere in piedi il governo a prescindere dal merito della richiesta stessa, o chi appoggia un ministro indagato per mafia, chi favorisce la trasmissione ereditaria del potere ed evoca fantasiose secessioni e usa toni razzisti, dopo aver appoggiato un governo che non solo non ha fatto il federalismo fiscale , ma ha aumentato le tasse e non ha tagliato nè i costi dello Stato nè della politica. “Apres moi le deluge?”  No: Senza paura, a casa. Per una nuova stagione in cui ci sia una rivoluzione tale che imponga nella testa degli italiani, specie delle classi dirigenti, l’onestà pubblica contro l’evasione fiscale , l’inefficienza (potendo licenziare anche nel pubblico), la corruzione a tutti i livelli, per il rispetto delle regole di tutti, immigrati e non, la trasparenza e la meritocrazia, senza conflitti di interesse tra informazione giustizia e potere legislativo, e senza più raccomandazioni. Dopo due legislature si deve andare a casa e  certo,  con una giustizia più celere,  i condannati dovrebbero essere esclusi dal parlamento. Inoltre questo governo non è più quello eletto dagli Italiani, dal “popolo sovrano” (come dicono a X-factor): dopo l’uscita di Fini infatti e l’entrata per compravendita dei cosidetti “responsabili” di non si sa cosa,  si può legittimamente sciogliere. Il cosidetto “popolo sovrano” ha invece raccolto firme , grazie all’ iniziativa del movimento dei grillini, per un referendum semplice, per esprimersi sul “parlamento pulito” e sul limite  a due legislature per gli eletti, ma “la casta” non ha ancora concesso agli Italiani di esprimersi, violando così la costituzione. Evitiamo che il Paese vada a puttane, forse lo è già.

Inviato al Sole 24 Ore, il 21/09/2011

Pagina successiva »

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: